lunedì 4 febbraio 2013

itSELF - MAKE MY SUFFER SHORT
Ero in auto. Viaggiavo e sentivo le partite. Poi il calcio è finito ed è passato un giornale radio. E le cazzate del nanetto col cerone riempivano lo stretto etere che mi stava intorno. Ed io vi ho immaginati tutti incazzati. Ed indignati. Come sempre. Come al solito. Che quello non lo vota mai nessuno ma poi vince sempre. E questa, un giorno, me la dovrete pure spiegare, teste di cazzo che non siete altro. Perché dite una cosa e poi ne fate un’altra? Ecco perché non è il nanetto che mi fa incazzare ma siete voi. Coglioni. Anche se poi, alla fine, non me ne frega niente delle elezioni perché i poteri buoni non esistono e, quindi, se pure ci togliessimo suddetto nano dal cazzo, altri nani sarebbero pronti all’arrembaggio. Perché siamo un paese gran produttore di siffatte feci umane. E, per questo, abbiamo il solo destino di una nuova sofferenza e di una riciclata demenza. Chiunque vincerà ste elezioni di merda. Chiunque. Per cui penso che se sta sofferenza durasse poco sarebbe pure preferibile. Meglio il peggio subito che il somministrato piano piano. Una ceretta di male a tutti e via. Tutti affanculo! Che le agonie non mi sono mai piaciute. Gli accanimenti terapeutici neppure. Per questo mi vengono in mente gli itSELF, un duo carioca che ho conosciuto da poco e che mi sembra valga la pena di proporre. Perché trattasi di un bel death d'impronta potente e dal groove pesante. Per una vocalità che graffia le schiene oltre che i cuori. Perché l’arrembante title-track è quanto di meglio s’addice alla nostra situazione paesana. Tanto diversa da quella di un Brasile che ormai guarda verso il sole. Mentre noi, che abbiamo infilato la testa in un pozzo pieno di merda, abbiamo la sola voglia di seppellircici dento. Per sempre. E, se volete una bella spinta per l’inevitabile intento, per finirla con tutte le sofferenze che gli Alfano-Monti-Casini-Bersani-Grilli-Nani ci riserveranno a breve, gli itSELF ve l’assicurano con efficace grinta e con uno spessore compositivo da maestri. Make My Suffer Short. Quindi. Facciamola breve. Qui


PARIGI: La Gioconda (Louvre)