venerdì 4 gennaio 2013

Tratto da "Cahiers de Rodez"
(Antonin Artaud)
 
Lei mi ha aiutato a morire di vera vita,
lei ha bloccato la merda,
perché il dolore viene dalla carne che si condanna a vivere
dall’origine in un vizio di forma,
e a perdere il senso,
il fango della materia che respira.
Nessuno che prenda il largo,
non un solo essere oggi ad essere padrone della propria fanghiglia d’ossa.
Insetto, crosta, lava.
Voglio pensare vergognosamente il mio spirito.
Un puro concetto non è niente. Io solo sono il padrone.
Gli spiriti non sono altro che un verminaio generato dall’essere
che mangia i corpi in quanto l’essere è un puro spirito che precede l’uomo,
come il sesso dell’uomo precede il soffio dell’om.