giovedì 6 dicembre 2012

Fini esegeti dell’epilessia
(Cataldo Dino Meo)
 
Emboli letali supponenti,
abusivi del pensare,
pazzi di verità
medicalizzati dall’umanesimo.
Fetenti alteri,
boriosi,
che spadroneggiano su interminabili cortei
striscianti di cervelli marci.
Fini esegeti dell’epilessia bovina,
avviluppati nell’inestricabile chimera di vivere,
costi quel che costi.
Non riesco a immaginare a cosa possa servire l’uomo,
tanto meno l’umanità.
Di certo so cosa ci faccio io da queste parti,
negare,
rompere i coglioni,
costi quel che costi.