giovedì 5 luglio 2012

CARNIVORED - REVIVAL
Arrivo al lavoro. Accendo la stufetta e mi metto su internet. Che sono giorni che non so un cazzo di quello che succede nel mondo. E sento cose. Vedo gente. E qualcuno sembra saperla pure lunga. Ma, alla fine, sembra proprio che non mi sia perso nulla. C’è il rigore. Agli europei. In politica. Nel mondo finanziario. E c’è dell’insano rigore pure nelle nostre idee che si fanno sempre più misere. E l’unica cosa che potrebbe avere un minimo di interesse è sta faccenda del bosone. O almeno. Può avere interesse se ti appassiona la scienza come appassiona a me. Altrimenti anche il bosone rompe il cazzo. Tanto più che dentro non ci hanno trovato dio. Ed io me l’aspettavo sta cosa qui. Perché se uno è dio mica può stare in una particella tanto piccola. Dio dovrebbe essere grande. Penso. E avercelo grande. Col cazzo che lo trovi nel bosone! Quindi la notizia perde di interesse. E mi metto a frugare tra i vari blog che ho salvati fra i segnalibri. E vado su questo. Che non mi ricordavo di avere mai visto prima ma evidentemente sono un dimentico. Che se è nei segnalibri… è un blog di grind indonesiano. Guarda te. E curioso. Leggo. E sembrano tutti ragazzi motivati. Ed io che non so un sano bosone di metal indonesiano decido di scaricare questi Carnivored. Che, forse, sono di Giakarta. Anzi, no. Sono di un altro posto. E sono al primo lavoro. E voglio ben dire. Perché io da quelle parti ci ho pure lavorato ma di brutallari effettivamente non ne avevo visti in giro. Comunque scarico. E poi sentirò. Perché è sempre bello quando qualcuno ci prova. E se lo fa chi proprio certe cose non le ha nelle corde lo è ancora di più. Sentirò. Forse già nel pomeriggio. Sempre che i miei colleghi non decidano di rompermi il cazzo dicendo che faccio dei rumori molesti. Manco scorreggiassi. Carnivored. Accompagnatemi anche voi. Qui