mercoledì 21 dicembre 2011

L'UOVO PROSSEMICO
Non so chi abbia inventato questa cazzata, ma so che si chiama uovo prossemico e che è uno spazio immaginario intorno a noi, determinato da un perimetro circostante entro al quale detestiamo la presenza di altre persone. E ciò accade al punto che un’eventuale invasione di detto confine da parte di terzi induce reazioni di difesa, anche inconsapevoli, quali semplice nervosismo, aumento dell’aggressività, fuga o, più semplicemente, desiderio si scorreggiare. Che funziona sempre.
Ora, per dirla in breve, l’uovo ha dimensioni diverse a seconda del tipo di relazione esistente fra gli interlocutori. Ma ha pure degli scomparti interni entro i quali determinati soggetti possono entrare ed altri no. Così c’è un confine pubblico, uno sociale, uno personale ed uno più intimo. 
  

Per quanto mi riguarda, io credo di avere l’uovo prossemico più grande del mondo, e forse pure per questo sono un blogger. Quindi la teoria la sposo tutta. In pieno. Ma non mi ritrovo coi numeri. E poi manca pure qualcosa. Perché io mi sono sempre chiesto che cazzo succede sotto ai 20 cm. Perché potrebbe sembrare che quello sia il confine sessuale. Perché sicuramente c’è pure uno spazio sessuale. Che sarà inevitabilmente interno a quello più intimo. Solo che l’hanno censurato. Forse perché non sono previsti i numeri relativi. O perché esclude troppa gente. Ossia quelli che ce l’hanno piccolo. Perché, in effetti, 20 cm potrebbero essere tanti, causando spazi inutilizzati. E facendo crollare tutta la filosofia.