giovedì 8 dicembre 2011

L’ESERCITO CLERICALE
Mio nonno era un uomo d’Appennino e veniva da un paese del cazzo che oggi conterà 300 anime, ivi comprese quelle dei defunti che, strambamente, non sempre ci vogliono abbandonare. Ora, nel paesino in questione è morto il prete. E non è che io ne senta la mancanza, solo che non si riesce proprio a sostituirlo. E, soprattutto, non si riesce a trovarne uno che venga a dire un cazzo di funerale quando qualche vecchietto ci lascia per miglior sorte. Perché no. Non ce n’è. Manco a pagarli oro. Perché c’è la crisi delle vocazioni. E la notizia potrebbe pure piacermi, solo che, vivendo a Roma, non posso non notare che le vie sono stracolme di esponenti del clero che mi sono sempre domandato che cazzo facciano. Studiano? Approfondiscono? Benedicono le ostie? Si trombano le suore? I chierichetti? Io non lo so. Ma so per certo che di salire sull’Appennino per andare a dire una cazzo di messa gli costa una gran fatica. Così sono andato a documentarmi per cercare di capire almeno in quanti cazzo sono e, secondo questo papier, pare che in Italia siano 51000! Considerando che abbiamo solo 15000 ostetriche e 21000 ricercatori universitari, direi che non sono messi male come i panda. Insomma, questa è roba da riempire uno stadio. Di serie A s’intende. E a ciò si aggiungano suore e frati che non credo siano considerati nel computo. E che sicuramente doppieranno sta già bella cifretta. Ma il quesito è un altro: chi cazzo la paga tutta sta gente? Perché in tempo di crisi ed austerity il sospetto che il loro perverso vivere sia a nostro carico mi perplime assai. Ed io credo che una politica seria su questo ci dovrebbe fornire delle risposte. E che sarebbe bello se pure noi cominciassimo a fare delle domande. Perché questo si che è un esercito di fannulloni che, personalmente, io sono proprio stanco di mantenere. Che mi sono rotto i coglioni di pagare per le loro pippe e i loro danni. Basta. E se qualcuno di voi, pensando a quel simpatico parroco incontrato all’oratorio da ragazzo, si fa venire qualche scrupolo, sappia pure che non morirebbero certo di fame. Perché la chiesa può vivere di rendita per migliaia di anni. Visto che ha grandi capitali immobiliari esenti ICI, forti investimenti nel settore industriale (pure nel settore delle armi e del porno), banche colluse con le mafie ed altri piccoli ma numerosissimi redditi a cui attingere. Non ultimi i lasciti che voi coglioni gli lasciate sul letto di morte.