venerdì 18 novembre 2011

VV.AA. - TO ALL THE HATERS
Il nostro Massi ci sta prendendo gusto con il mix. E forse ci gode pure a fare ste cose. Anzi, ne sono certo. Ci gode! Perché solo se hai una verace passione riesci a far un buon lavoro come questo. Ed io, come spero voi, non posso che ringraziarlo per queste perle del suo indubbio talento. Ovviamente, non posso dissertare sull’aspetto tecnico del mix perché sono totalmente ignorante in merito e non mi potrei permettere un valido giudizio. Ma ragiono a cuore. A istinto. A pelle. E, a cuore-istinto-pelle (e mettiamoci pure palle), la scelta dei brani è davvero ottima, ed accuratissimo è il loro saperli porre in una successione che sembra sempre perfettamente consequenziale. Quasi naturale. Poi, stavolta, la selezione del Massi ci sorprende con un inizio davvero a bomba: tu fai partire il filetto (leggasi in english) e subito detona un pezzo che ha fatto la storia del rap metal. I favolosi Downset che si cacciano nella loro Anger, il pezzo che avrebbe voluto fare Zack De La Rocha ma che non ha mai fatto. Il solo pezzo del genere che non subisca il confronto con i RATM. E, terminata l’esplosione iniziale, l’aria col cazzo che si cheta. Carcass, Slipknot, Hellcrawler, Converge, Dawn Of Demise tengono il tono sempre doverosamente alto con le loro deflagrazioni di rabbia e di odio che rendono il titolo del mix azzeccatissimo. Finché, poi, tutto scema, nel rantolare sciagurato di Sean dei Bädr Vogu che sono la vera chicca di questa selezione, una band ancora poco nota, destinata però a lasciare presto i garage di Oakland perché un crust del genere non può rimanere relegato al sole della California.
In poche parole, anche se ho fatto parecchi reload nei 33 minuti di musica proposti, devo confessarvi di aver fatto un solo ascolto del nuovo lavoro di Massi. Però, sempre a cuore-istinto-pelle-palle, io mi sento di certificarlo con ceralacca e di condivid
erlo con voi. Qui.