giovedì 5 maggio 2011

IL LORO CULO VALE PIÙ DEL NOSTRO
Mentre sul web spopolano i fake del Bin Laden morto e mentre sbocciano fantomatiche cazzate per farci credere che il più noto degli Osama sia stato portato da qualche alieno in un buco di culo di posto dove gli studieranno ogni neurone del cervello, io sinceramente me ne fotto e vorrei fare un’altra considerazione, partendo comunque dal presupposto che, a mio avviso, gli iuessei hanno veramente sparato un colpo in fronte a quel gran pezzo di merda.
E stando così le cose, è pure del tutto verosimile che ci sia un rischio di possibili azioni ritorsive, perché la vendetta è uno degli umani piaceri e perché non si vede per quale ragione chi di dovere se ne debba privare proprio questa volta.
Così il governuccio, con ardito senso da anale attivo, decide di rafforzare i suoi strumenti di vigilanza, soprattutto a Roma visto che Al Qaeda potrebbe colpire la culla della cristianità essendo noi stessi considerati dei merdosissimi infedeli.
E vediamo dove la rafforza, sta vigilanza: luoghi di culto, con il Vaticano in testa, uffici e installazioni dei paesi aderenti alla Nato, strutture militari, ambasciate, consolati, e, guarda caso, obiettivi istituzionali e di governo, arrivando pure a potenziare le scorte.
Insomma, rafforzano la loro mutanda ma non la nostra, dimentichi che Al Qaeda non ha mai ucciso nessuno di loro, riservando sempre tutte le sue gentili azioni per i civili, nelle stazioni, sui bus o nelle metropolitane.
Ma è pur vero che loro (centrodestrasinistratuttinsieme!) non prendono mai la metro al mattino presto. Su quei treni c’è solo il nostro culo mentre il loro viaggia in auto blu, su sedili di pelle di fica adolescente.
E certamente vale più del nostro.